Music by Fabio Napodano a.k.a. It-Alien

"impro"

2013-04-30 by

ieri mi sono ricordato di quella lunga estate di un paio di anni fa in cui ad Avellino è andato di moda nei locali il cosiddetto genere “impro”, con tutte le sue poliformi varianti tipo “impro-jazz”, “impro-noise”, “impro-babil”, “impro-ponibil” e chi ne ha ne metta.

per il gestore del locale indubbiamente un’ottima idea: dare una tromba o una chitarra in mano ad un passante ubriaco e, senza doverlo per questo pagare, farlo attorniare di un pugno di wannabe-ubriachi paganti.

non so bene il perché, ma assistere a quegli “spettacoli” era ottundente più o meno come lo scorrere foto su di un tablet col ditino al ritmo di 2 foto al secondo: stavi lì ad osservare senza capire, forse domandandoti se fóssi tu l’unico a non capire o semplicemente tu l’unico non-ebbro/non-fumato/non-qualcosa. sembrava di assistere ad una sòrta di nouvelle-vague in forma musicàle, con l’aggravante di esserci fisicamente e quindi di respirare fumo (di varia natura) ed alcool.

di quell’estate non resta molto: colòro i quali hanno dato vita a questo momento “impro” sono tornati a fare quello che facevano prima (indovinate; non certo suonare); alcuni di loro forse sono già stati piazzàti in banca o presso lo studio del padre, non saprei; per saperlo dovremo restare in attesa della prossima moda musicàle per fare l’appello e vedere chi manca.

dopo essere passàti perlopiù indenni attraverso la moda della techno minimale “suonata” da noi giovani universitari che giriamo le rotelline di Ableton Live e questo delirio “impro”, ci è toccato poi farci largo tra le tribute band. con i sempre più ristretti spazi offerti alla musica live oggi in città, a quanto pare il presente è il cantautoriale acustico e la sperimentazione in forma di duetto o trio (due bassi e batteria, due batterie e corno francese, radiofrequenzimetro e peretta da clistere).

con la stessa inflessibile serenità un po’ perplessa che ci contraddistingueva agli albori della “minimal” proposta da chi fino al giorno prima vestiva di dreadlock e stracci e professava il luddismo, assisteremo composti al compiersi di un altro viaggio senza meta.

New song by It-Alien "Kiss me on 7" included into "Jazz Friendds 2011" compilation

2011-01-06 by

A free jazz compilation featuring many of the most reknown jazz artists of Jamendo.com has just been released! The tracklist also features my previously unreleased song “Kiss me on 7”

Download Media (4:15min, 0MB)

"Jazz friends 2011" website
you can download the compilation for free from here
"Kiss me on 7" download from napodano.com in OGG format

La Mela di Odessa - Open Week

2010-09-25 by

La scuola di musica “La Mela di Odessa”, sita in via Serafino Soldi ad Avellino, presenta una settimana di workshop dedicàti all’insegnamento della musica sotto diverse forme.



Qui è possibile scaricare il programma in formato PDF.



Vi segnàlo per martedì 28, alle ore 18:30, il workshop Introduzione a Renoise, music tracker di terza generazione. , nel quale verrà presentato il programma Renoise che da 10 anni utilizzo per la mia musica e alla cui realizzazione collaboro dallo stesso tempo.

Pagina facebook dell'evento
Sito Renoise
MySpace Mela di Odessa
PDF programma Open Week

New song By It-Alien: "Night Creatures"

2010-09-11 by

OGG version (HIQ, 14.2MB OGG from napodano.com)

MP3 version (MEDQ, 12.3MB MP3 from last.fm)

Hi all, I’m back again with a new song: “Night creatures”.

well, I’m not really back, since I’m avant :)

this song is indeed my first “Avant-prog” song, a mixture of chamber music and progressive rock which describes an imaginary nightly exploration through my backyard.

As you can imagine, it can be both a sweet and creepy experience..

Download MP3 (13:04min, 12MB)

OGG version
download OGG version of the song
MP3 version
download MP3 version of the song

Bovine Music Show to play "La femme et le chien" on June 1st 2010

2010-05-24 by

Again, Bovine Music Show will play a song of mine on its weekly podcast.

This time, the choosen song is La femme et le chien, a quite minimalist jazz quartet (piano, trumpet, upright bass, drums).

Bovine Music Show site

:: next page >>